sabato 30 luglio 2011

The reason wine...

Tra i tanti motivi per cui in questi anni si  parla di bere responsabile e di consumo consapevole dell'alcool c'è naturalmente la volontà di aiutare le nuove generazioni a vivere una vita piena, moderata e rispettando se stessi e chi ci circonda. I troppi problemi connessi all'uso e abuso di alcool ormai li vediamo ogni giorno per strada, nei quotidiani, negli ospedali....
A tentare di arginare il problema, oltre all'impegno di alcuni organismi locali che operano nel campo del vino, fra cui per esempio lo stesso Consorzio di Tutela Colli Orientali del Friuli che ha realizzato una campagna promozionale denominata "Stop Binge drinking", ci sono naturalmente intere nazioni che si impegnano su questo fronte. In Italia è attivo un importante Progetto denominato "Vino e Giovani" realizzato dal Ministero delle Politiche Agricole in collaborazione con Università e Regioni.

E' da molto ormai che il mondo del vino si occupa di "formare" il gusto e la mente del consumatore. La bellezza del progetto del Ministero italiano è forse il tassello mancante, ovvero la possibilità di essere capillare ed efficace in una comunicazione su larga scala destinata ai giovani.
L'ultimo progetto messo in piedi da Vino e Giovani è il concorso "Reason Wine: idee per bere con gusto". Dal 31 maggio all'11 luglio sono pervenuti ben 80 tra filmati e cortometraggi di svariata provenienza. Tutti emozionanti, diversi e controversi alcuni, semplici ma seri altri.
Forse poco seguiti se, come indicato dal sito, i video sono stati visti circa 20.000 volte nonostante la fase finale del concorso prevedesse la votazione del pubblico. Ad ogni modo vincitore assoluto del concorso è il corto romantico e curioso di Michele Socci "1979"


Alle signore è dedicato invece "Adamant" di Giacomo Mantovani che ha conquistato il massimo dei voti del pubblico....struggente confessione d'amore modern style e dolci sentimenti di un latin lover davvero niente male.  :-) Guardare con estrema invidia!!


Ultimo tra le scelte del pubblico (forse per una recitazione un po' stentata, ma non lo butterei via sinceramente) "Wine is a state of mind", un corto, misto "sideways" e "what women want" (vi ricordate la descrizione dello spot Nike fatto da Helen Hunt? ) con una frase finale che ricorda volutamente un ironico Peter Sellers in "Being there".....life is a state of mind.

Emozionatevi consapevolmente anche voi degustando un ottima Ribolla Gialla o un elegante Schioppettino guardandoVi i video più belli in concorso su You Tube! Io l'ho fatto (con i miei 40 anni suonati e molte bevute tutte responsabili)!

Nessun commento:

Posta un commento